Ambiente e Territorio

Ambiente e Territorio. Il progetto PUMA

Progetto PUMA (Piano Urbano mobilità ed ambiente)

 

Il progetto interviene sulla mobilità sistematica casa-scuola relativamente alle scuole secondarie di I° grado, promuovendo l’utilizzo di modalità di trasporto a impatto basso o nullo e aumentando la sicurezza stradale intorno agli istituti scolastici coinvolti. Il progetto vuole sperimentare un insieme di azioni che possano estendersi il più possibile e in modo graduale all’intera popolazione delle scuole secondarie di I° grado. Le iniziative sviluppate nell’ambito del progetto PUMA verranno inserite nell’ambito dell’offerta formativa delle scuole coinvolte.

 

Il progetto PUMA vuole quindi sperimentare un approccio innovativo e integrato ponendosi come esempio prototipale di promozione della mobilità sostenibile nelle scuole secondarie di I° grado a livello nazionale.

 

Di seguito l’elenco delle azioni: dapprima quelle di tipo gestionale, formativo, culturale e di sensibilizzazione, in ultimo quelle infrastrutturali.

 

  • Osservatorio PUMAT per il Mobility Management (Tipologia VII). Il progetto prevede l’avvio dell’Ufficio di Coordinamento dei MM scolastici, la cosiddetta struttura di mobility management di Area presieduta da un tecnico delle Amministrazione Comunali che ricoprirà il ruolo di MM di Area e che verrà adeguatamente formato, così che potrà accompagnare i vari MM scolastici nella redazione dei Piani degli Spostamenti Casa-Scuola. Il MM di Area, dotato di una piattaforma di coordinamento denominata PUMAT, avrà il ruolo fondamentale di coordinare i MM scolastici e avviare tutte le attività e i servizi utili all’organizzazione e alla gestione degli spostamenti sistematici di studenti e insegnanti evidenziando le criticità e le proposte che emergeranno. Al MM di area e ai 12 MM scolastici delle altrettante scuole coinvolte verrà fornitoa una apposita versione client di PUMAT che invia un breve questionario online a tutti gli studenti e produce un report con i risultati dell’indagine e con gli indicatori di mobilità. Attraverso un modello di simulazione integrato sarà possibile pianificare gli scenari di intervento, calcolare le emissioni inquinanti prodotte dai flussi veicolari e visualizzare geograficamente tutti i risultati. La piattaforma centrale e le versioni client permetteranno di comprendere la natura degli spostamenti e affrontare i problemi che essi generano, fornendo, tramite un modello matematico avanzato, soluzioni sostenibili, più efficaci e alternative all’uso dell’automobile quantificando gli effetti. All’interno delle scuole coinvolte verranno individuati i MM e, attraverso un metodo di coinvolgimento partecipativo, saranno gli stessi studenti a elaborare il Piano degli Spostamenti casa-scuola e a riportare le esigenze presso le amministrazioni comunali, sperimentando così un vero percorso di pianificazione operativ.

Lascia un commento

Back To Top