Cultura e Tempo Libero Politica

Sant’Antonio Abate e la Focara 2019 al via. Ieri Intronizzazione, domani conferenza stampa

Ieri in un santuario gremito di fedeli e devoti, si è svolta l’Intronizzazione del simulacro ligneo del Santo patrono Antonio Abate. domani è prevista la conferenza stampa degli eventi organizzati dal Comune in collaborazione con il Comitato e la Pro Loco. 

Tutto pronto, o quasiper questa attesa edizione della Festa in onore di S. Antonio Abate e la “sua” Focara.  Una delle edizioni più tranquille degli ultimi 20 anni, per la quale il Commissario del Prefetto, Paola Mauro sta lavorando in silenzio e con spirito di sacrificio incarnando a pieno la visione e le aspettative dei novolesi. Una festa sobria, trasparente, ordinata.

Ieri  in un santuario come da tradizione stracolmo di fedeli e devoti, si è svolto il rito dell’intronizzazione del Santo, che da il via al novenario in suo onore. La solenne celebrazione eucaristica è stata presieduta dal parroco Don Luigi Lezzi. I nove giorni di predicazione, previsti dal programma religioso, sono stati affidati a Padre Luca Fracasso, superiore della Comunità dei Padri Passionisti di Novoli.

Già nei giorni scorsi è stato pubblicato il programma dei riti civili e religiosi, un cammino di fede centrali dal 6 al 27 gennaio, a tutte le manifestazioni culturali in programma. Tutti i giorni, nel Santuario, saranno celebrate quattro messe (la prima alle ore 8.30 e, a seguire, alle ore 9.30, alle 17 ed alle 18.30). Nel corso della novena, sono previsti alcuni momenti “tradizionali”: martedì 8 gennaio, alle ore 9.30, la Giornata della Memoria  (in ricordo dei Caduti di tutte le guerre), mercoledì 9 gennaio, alle ore 9.30, la Giornata del Pirotecnico (in memoria di Gabriele Cosma e Gianni Rizzo, rispettivamente 19 e 41 anni, tragicamente scomparsi ad Arnesano in seguito ad una esplosione avvenuta in una fabbrica di fuochi pirotecnici in cui lavoravano); un momento dedicato agli ammalati è invece previsto nella Giornata della Sofferenzavenerdì 11 gennaio alle ore 9.30 quando, nel corso della celebrazione eucaristica sarà amministrato il Sacramento della Unzione degli Infermi. La veglia di preghiera dei giovani, chiuderà il novenario come da tradizione il 14 gennaio alle ore 20:00.

Il 16 gennaio, poi, sarà la volta della benedizione degli animali sul piazzale antistante il sagrato della Chiesa, a cui seguirà la processione per alcune vie del paese ed, al termine, la celebrazione eucaristica presieduta dal parroco. Alle ore 20, l’evento più atteso e che da anni richiama curiosi e devoti da tutta Italia: l’accensione della Fòcara, il monumentale falò edificato, quest’anno, su un terreno sopraelevato sito in piazza Tito Schipa. Il 17 gennaio, alle ore 10.30, la Messa sarà presieduta dall’Arcivescovo di Lecce, Mons. Michele Seccia. Il 18 gennaio, infine, la Giornata del Ringraziamento che vedrà il suo culmine nella Celebrazione Eucaristica delle ore 18.30 alla presenza delle Autorità Civili e Militari e di tutte le componenti impegnate nella realizzazione della grande festa: Comitato, Pro Loco, Associazioni locali, fedeli e laici.

Grande attesa per la conferenza stampa di domani mattina. Per ora nessuna anticipazione. La  Commissario Paola Mauro ha dichiarato: “Anche quest’anno non manca l’incessante impegno del Comune e delle Istituzioni affinché la festa sia celebrata e la tradizione preservata come è nell’auspicio dell’intera comunità novolese. Si è voluta prestare attenzione all’essenzialità, evitando inutili sprechi di risorse ed energie. Lodevole il grande impegno del Comitato per la festa patronale, della Pro Loco, dei dirigenti comunali, dei loro collaboratori, del parroco don Luigi Lezzi, dell’Associazionismo locale e dei tantissimi volontari – uomini e donne – nel tramandare una tradizione così forte anche alle generazioni future“.  

Il presidente del Movimento per Novoli Giovanni de Luca ha affermato: “conoscevo la tenacia del commissario Paola Mauro. Non avevo dubbi che per cultura e sensibilità avrebbe rappresentato al meglio le aspettative dei novolesi. Sarà una bella festa, sobria, incentrata sull’essenziale e soprattutto con processi amministrativi trasparenti e collaboratori scelti con il criterio della professionalità e della competenza. Per ora la voglio solo ringraziare”. 

Lascia un commento

Back To Top