Editoriali Politica

Loredana, Pinuccio sono! Non sò, non conosco, non ricordo.

Editoriale di Giovanni De Luca

Ieri sera l’attenzione di molti è stata attirata dal programma di Antonio Ricci “Striscia la Notizia”, durante il quale, “Pinuccio”, noto inviato pugliese è tornato a parlare di appalti e “coincidenze” nel settore d’interesse dell’assessore Loredana Capone. Quanto riportato per molti assume i contorni del divertimento e della sana risata, per altri di seria preoccupazione e meraviglia, per me di sdegno.

Qualche tempo fa, sempre Pinuccio, aveva fatto vedere alcune aziende con nomi di fantasia legate fra di loro ad un’azienda che fantasia non è, la PROTEM. Secondo l’inviato risulterebbe di tal Gabriele Torricelli. 

L’organo di controllo della Regione Puglia aveva sollevato alcuni dubbi rispetto alla rotazione di alcune aziende che vincevano appalti, persone che sarebbero di Protem e che vengono accostate all’assessore: Conte e Martella. Il primo e la Capone testimoni di nozze del Martella. Un’altra “curiosità” che mette in risalto Pinuccio è che Torricelli –sempre secondo “Striscia la Notizia”- è Vice segretario cittadino di Lecce del Partito Democratico, della quale sezione, Loredana Capone è componente. La Protem si occupava di software quando la Capone era all’Assessorato allo Sviluppo Economico,  ora che è assessore al Turismo, nascono altre due società con persone e che si occupano di Turismo, ottenendo finanziamenti da Puglia Promozione, quindi, dall’assessorato. Infine, nel mirino le consulenze da Puglia Promozione elargite tramite il TEATRO PUBBLICO PUGLIESE (recentemente incarico di “gestire” la Focara di Novoli) “collaboratori dello staff elettorale della Capone” che operano al suo interno.

E poi tempo fa ci furono le esternazioni del Consigliere regionale Liviano, della loro parte politica. Testualmente dalla sua bacheca: INTERROGAZIONE AL PRESIDENTE EMILIANO: chiedo di sapere se è vero che tre persone che collaborano o hanno collaborato negli assessorati della Capone sono dipendenti di una società affidataria di molti bandi ? Se è vero che nel consiglio di amministrazione di questa società ci sono due fratelli figli di un personaggio politico molto vicino all’assessore Capone? Se è vero che prima dell’assegnazione del.bando il presidente della commissione giudicatrice e il.rup si sono dimessi e perché si sono dimessi? SESTA INTERROGAZIONE SUL TEMA E FINORA NIENTE RISPOSTE… Io attendo Risposte per Iscritto non banalità dette ai giornali.

Allora la Capone si scagliò contro Liviano e non con termini gentili e pacati usati con Pinuccio, non chiese: “Gianni, (Liviano) la posso chiamare Gianni?” – ma minacciò querele e saette!

ASSURDO!

O l’inchiesta di “Striscia la Notizia” è un falso clamoroso, oppure qui ci troviamo di fronte ad una fattispecie di “mala gestio” della cosa pubblica!

Personalmente tornano alla mente i “day after” di alcuni incontri politici ed amministrativi fra l’ex Sindaco di Novoli, Greco e l’assessore Capone, quando si cercava dialogo istituzionale ed il perché dell’assenza della Regione nel Consiglio di Amministrazione della Fondazione. All’indomani di quegli incontri (se ne sono svolti 3 dal 2016 al 2017) il Sindaco Greco mi “notiziava” che erano andati bene (incontri ai quali Greco si recava sempre con lo stesso assessore della sua giunta, incaricato di tenere i rapporti almeno con due assessori regionali – di questo ne parlerò nella conferenza stampa del 25 gennaio 2019) c’erano stati opportuni chiarimenti, sempre puntualmente terminati con una stretta di mano, salvo poi vedere il Sindaco di Novoli accusato di “mala gestio” proprio da parte della Capone.

La faccenda si indirizza verso un epilogo molto, molto, molto, interessante e per me non sorprendente. Resta il fatto che l’amministrazione Greco, ha subito momenti di tensione interna, attacchi mediatici anche per l’azione a tratti ingerente dell’assessore Capone. Trame politiche nelle quali si è lasciato coinvolgere anche l’assessore regionale Luigi Manca, eletto grazie ai voti di Novoli Protagonista, (sostegno al quale, il sottoscritto si onora di non aver contribuito) che hanno determinato la fine anticipata di Novoli Protagonista.

E qui la solita domanda: perché è caduta l’amministrazione Greco, di Novoli Protagonista?

Il corto circuito all’interno dell’amministrazione, il doppio gioco di Palomba – A. Sozzo e Sabrina Murra, lo smascherai la mattina delle dimissioni dell’assessore Palomba. Alla fine del Consiglio Comunale di quel giorno ed una riunione “flash”, si palesarono agli occhi del sottoscritto contrasti e contraddizioni fra la posizione di Antonio Sozzo (l’assessore presente agli incontri fra Greco e Loredana Capone) e ciò che sosteneva la consigliera Sabrina Murra, in merito alle procedure Fondazione-Regione, ed i veli caddero tutti. Ecco perché all’indomani delle dimissioni di Greco (e delle 7 illegittime ed inutile firme di sfregio della sfiducia) chiesi e continuo a CHIEDERE perché è caduta l’amministrazione Greco di Novoli Protagonista? Esortando i tre a dire tutte le verità, prima che lo faccia io nella conferenza stampa del 25 gennaio 2019.

In ultimo, è grave ‘affermazione di Loredana Capone sulla trasparenza in merito alle procedure negoziate interne alla Regione. Ella, come consuetudine, tende a scaricare responsabilità sugli uffici regionali. Per esperienza credo che qualcuno abbia il sentore dell’imminente arrivo della Procura della repubblica di Bari.

E Novoli?

Dove sono in questa ambigua faccenda, opinabile, come era quella che ha riguardato la presunta “mala gestio” della Fondazione Focara,  i giudici della sinistra novolese? Come giudicheranno la presunta “mala gestio” dell’assessore del Partito Democratico? Presunta “mala gestio” quella, presunta “mala gestio” questa, ma si sà, la sinistra pontifica, accusa, si erge a paladino morale solo a senso unico,  ossia, quando deve scagliare “certa” magistratura contro l’avversario politico con l’aiuto di “certa” stampa.

E la Focara?

Alla luce di quello che avevo sostenuto mesi fa, ossia che la gestione degli eventi collaterali alla Focara sarebbero stati affidati al Teatro Pubblico Pugliese, sarà ancora opportuno questo affidamento che a detta dell’inviato di striscia, ha al suo interno: “collaboratori dello staff elettorale della Capone”.

E Luigi Manca?

Chiederà le dimissioni dell’assessore Capone, “a braccetto” della quale lo abbiamo spesso visto in riunioni, così come aveva fatto con il povero e martoriato Sindaco Greco?

Ciò che  Movimentazione rappresenta è la voce schierata della verità contro le macchie d’inchiostro dell’infamia altrui, ciò che il Movimento per Novoli rappresenta è un percorso di legalità, di pulizia politica e morale, di coerenza.

Infine, una riflessione su ciò che siamo indipendentemente dal servizio di “Striscia la notizia”.

Ecco perché ci attaccano! Ecco perché ci odiano!

Con noi il malaffare non passerà MAI! E chi ha militato nelle nostre fila ed è andato via, lo ha fatto perché abbiamo sempre impedito di sostituire un sistema di potere politico con un altro sistema di potere politico, convinti come siamo che il cambiamento sia un lento processo di “trasformazione” dello status quo, in qualcosa di profondamente diverso. La nostra politica ci ha permesso di continuare ad esserci mentre tutti gli altri, sono passati.

Lascia un commento

Back To Top