Notizie dal Comune Politica Unione dei Comuni del Nord Salento

Giovanni De Luca: L’Iniziativa Comunitaria E.L.EN.A – Cos’è?

L’ex Presidente del Consiglio Comunale di Novoli e Consigliere dell’Unione dei Comuni del Nord Salento, Giovanni De Luca,  ci introduce nelle opportunità dell’iniziativa comunitaria E.L.En.A. (European Local Energy Assistance)

E’ un programma di assistenza tecnica e finanziaria per dare supporto alle autorità locali e regionali nello sviluppo e nella realizzazione di investimenti,anche di opere pubbliche, nel campo dell’energia sostenibile. È attivato dalla Commissione Europea in collaborazione con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI).

Finanzia con un grant del 90% gli studi di fattibilità e le progettazioni,  fino alla formulazione della gara di appalto, finalizzati ad una serie di investimenti per il rifacimento energetico del territorio. Il valore totale degli investimenti deve superare i 30.000.000 (trentamilioni) di Euro.

La grande maggioranza di tali investimenti non sarà sostenuta finanziariamente dal beneficiario, perché gli Enti Pubblici sono vincolati dal Patto di Stabilità Interno e non possono fare investimenti a ritorno pluriennale, neppure tramite acquisizione di mutui. Gli investimenti dovranno pertanto essere eseguiti da società esterne, pubbliche o private, in grado di proporre la progettazione, esecuzione e gestione dell’investimento, firmando col beneficiario finale (Comune) un contratto di prestazione energetica garantita (“Energy Performance Contract” – E.P.C.) o di altra natura a seconda del caso.

I programmi di investimento finanziabili con E.L.EN.A devono ricadere in una delle seguenti aree:

  • Edifici pubblici o privati: includendo l’edilizia pubblica, l’illuminazione stradale e del traffico, al fine di conseguire una maggiore efficienza energetica. Ad esempio: rinnovamento degli edifici al fine di diminuire il consumo energetico (elettricità e riscaldamento) attraverso l’isolamento termico, sistemi efficienti di condizionamento dell’aria, di ventilazione, di illuminazione. Integrazione di fonti di energia rinnovabile negli edifici. Ad esempio: solare fotovoltaico, solare termico e biomassa.
  • Investimenti in ristrutturazione, ampliamento o la costruzione di un nuovo quartiere serviti da reti di riscaldamento / raffreddamento, sistemi di cogenerazione decentrata
  • Trasporto urbano al fine di migliorare l’efficienza energetica e l’integrazione delle fonti rinnovabili di energia. Ad esempio: bus ad alta efficienza energetica, inclusi i bus ibridi, sistemi di propulsione elettrici o a basso contenuto di carbonio, investimenti per facilitare l’introduzione di auto elettriche, investimenti per una maggiore efficienza energetica per i sistemi di trasporto e spedizione nelle aree urbane.
  • Investimenti per la realizzazione di infrastrutture locali(non a respiro nazionale)incluse reti intelligenti, ICT, infrastrutture tecnologiche per migliorare l’efficienza energetica, arredo urbano ad alta efficienza energetica, strutture per il trasporto inter-modale (trasporto effettuato con l’ausilio di una combinazione di mezzi diversi) e infrastrutture per il rifornimento di veicoli alimentati da fonti rinnovabili.

“Dopo il finanziamento della “Ciclovia dei due Mari” e della “Rigenerazione Urbana”, ecco ora “E.l.En.A” afferma Giovanni De Luca. Ho sempre creduto nell’Unioje dei Comuni come strumento di sintesi progettuale del territorio. Ricordo due anni e mezzo fa, quando l’Assessore di Campi Salentina Angelo Francesco Sirsi ed il Sindaco Egidio Zacheo vennero a relazionare di questa opportunità in Giunta all’Unione dei Comuni, fra lo scetticismo generale. Fui l’unico ad appoggiarlo subito dopo aver parlato brevemente con la professionista Annamaria Fumaio. Tornai a Novoli e relazionai al Sindaco Gianmaria Greco chiedendogli di aderire. Per più di 6 mesi Campi fu appoggiato solo da Novoli, poi, la tenace caparbietà degli amministratori del comune sede dell’Unione riuscirono a convincere altri Comuni, l’Unione venne al seguito e ricordo ancora la felicità dell’Assessore Sirsi quando al progetto aderì anche Gallipoli. Un grande progetto all’interno del quale Novoli ha una grande opportunità, essendo sede di coordinamento nell’Unione, della MOBILITA’ DOLCE E SOSTENIBILE. Un ruolo sul quale ho investito molte energie e tre anni di lavoro, per avere un PUMS unico in sede dell’Unione con una Agenzia alla Mobilità per l’Ambiente ed il Territorio (AMAT). Una visione che fino a poco tempo fa era un sogno, pura fantasia, ma che oggi diventa realtà ed il futuro degli spostamenti Casa-Scuola, Casa-Lavoro a dimensione europea, nel rispetto dell’ambiente, ad impatto zero, anche nel nostro Sud, nell’Unione dei Comuni del Nord Salento, sono più vicini. Un progetto di questa portata ha necessità di legarsi naggiormente ai progetti “Urbact” e necessitano di una guida politico-amministrativa fatta di figure serie, competenti, capaci ed innovative. NOVOLI avrà un futuro malgrado una classe politica non sempre all’altezza. Malgrado questo lungo periodo di commissariamento, la mancata programmazione comunale é colmata perché avevo posto dei semi buoni nell’Unione e questi, a maggio prossimo, germoglieranno”.

Lascia un commento

Back To Top