Cultura e Tempo Libero

La storica Pro Loco di Novoli rinnova le sue cariche interne

Pochi conoscono la storia della Pro Loco di Novoli ed il suo importante ruolo strategico.

Fra il 1995 ed il 2001 una anonima associazione cittadina, “La Funtana” prende a cuore varie iniziative sociali e culturali. Due di strategica rilevanza una in materia di verde pubblico e l’altra legata al culto ed alla tradizione di S.Antonio Abate e la Focara.

Dopo la prima festa, durante la quale questa associazione decide di curare alcuni eventi collaterali, c’è bisogno di qualcosa di importante e di strutturato. Da non pochi diverbi cittadini e controversie, questo gruppo entra quasi in blocco  nella Pro Loco.

É infatti la Pro Loco di Novoli, contro una montagna di problemi molto più alti della Focara, a porre le basi per il lancio della Tradizione  a livello nazionale.

Nel 2001 con l’Amministraziine Quarta, un giovanissimo Assessore alle Politiche Culturali di nome Giovanni De Luca, stronca l’apparato burocratico che impediva alla Pro Loco di lavorare con serenità e con un delibera di Giunta denominata S.Antonio Abate e Maria Ss del Pane, dalla festa all’evento, apre le porte alla Pro Loco.

I concertini diventano un grande festival il “Festival dei popoli e delle Culture del Mediterraneo intorno al Fuoco”, si rilancia “Expovini” il salone del vino abinato alla cucina dei ristoranti Novolesi, ExpoArte in collaborazione con privati e dedicata alla menoria di Elide Poti’, un grande successo. Poi la Sagra de lu Taraddhu, la Fiera e tanto altro.

Da sempre, malgrado alcune mortificazioni venute dopo con l’Amministrazione di Oscar Marzo Vetrugno dove l’evento e la Tradizione ha rischiato di essere snaturata sconfinando nel business, la Pro Loco ha svolto un ruolo insostituibile. In silenzio. A denti stretti.

Ora un nuovo corso. Sono state rinnovate le cariche e la composizione del Consiglio Direttivo. Il Presidente, Fernando D’Agostino, presenterà nelle prossime ore il nuovo Cda e i consiglieri al Commissario Prefettizio del Comune di Novoli, dott.ssa Paola Mauro. Primo obiettivo della nuova programmazione sarà l’adeguamento alle previsioni normative contenute nella legge n°25/giugno 2018 della Regione Puglia.

«Siamo già a lavoro, afferma il presidente D’Agostino, per programmare una serie di attività per rilanciare il significato di Comunità, rivalutando il valore delle tradizioni, l’importanza del territorio e il senso di appartenenza. Alla base di questa nuova esperienza ci sarà un percorso che oggi vive i suoi primi 20 anni di vita, che porteremo avanti con impegno, verso nuove prospettive».

“D’Agostino é garanzia di massima serietà e concretezza. Una ottima continuità con i precedenti Presidenti, sono molto fiducioso – ha affermato De Luca – per il futuro auguro al Presidente e sodali, il massimo delle soddisfazioni. Novoli ha di nuovo un motore importante per il suo sviluppo. La Pro Loco é fonte di crescita collettiva e di opportunità”.

 

Lascia un commento

Back To Top