Cultura e Tempo Libero

Il Novoli pareggia a Scorrano e prende il via il difficile campionato di Promozione.

L’obiettivo del Novoli, in questo campionato di Promozione c’è e non può che essere quello che il Presidente Francesco Murra, con non pochi sacrifici, traccia da sempre come preciso stile di vita: scendere in campo con orgoglio e giusta dose di agonismo, raccogliendo quello che il campo dà in 30 scontri dove nessuno regala nulla.

Sarà un campionato certamente difficile, in un contesto difficile, dai contorni difficili. Ma la squadra c’è e si è visto. Che il campionato fosse irto di ostacoli lo si era capito da maggio scorso, quando determinate condizioni (il commissariamento dell’Ente Comunale) hanno fatto venire meno il partner di maggioranza della blasonata squadra rosso-blu ossia il Comune che per decenni ha sostenuto l’impegno sociale della compagine calcistica, soprattutto per i settori giovanili con il loro ruolo di prevenzione sociale e formazione individuale psico-fisica e culturale, anche con contributi economici ed agevolazioni “tecniche” (convenzione) nel quadro di un preciso gioco di quadra difficilmente comprensibile ai non “novolesi”. E così è stato per il Commissario Prefettizio Paola Mauro che se avesse dimezzato il contributo, forse, tutto ciò sarebbe rientrato nella logica delle cose, invece il sostegno economico e tecnico alla squadra di calcio è stato letteralmente azzerato. Tipico comportamento di chi è lì per svolgere un ruolo “tecnico” e non può, non deve compiere scelte di natura politica. Ha sbagliato i suoi calcoli chi credeva, errando secondo sciatta presunzione propria da giocoliere nell’ombra, che nulla sarebbe cambiato.  Non sono bastate, dunque, questa volta, le “piroette” del mago nostrano per risolvere una situazione nella quale è stato “cacciato”, “relegato”, “condannato” un intero paese. Ma nonostante tutto l’alba del nuovo cammino lascia ben sperare: si è allestita una rosa competitiva, un mix di giovani speranze e calciatori di esperienza, poi si è potenziata l’organizzazione del settore giovanile e confermata l’iscrizione di Juniores, Allievi e Giovanissimi ai rispettivi campionati regionali ed, infine, si è investito sulla scuola calcio con staff qualificati e l’avvio del rapporto di collaborazione ed affiliazione con la Virtus Francavilla, valore aggiunto per il territorio pugliese.

Parola al campo. Alle 15.30 il ritorno nella Promozione Pugliese dopo quattro stagioni consecutive disputate in Eccellenza. La gara affidata al fischietto brindisino Rocco Epicoco, coadiuvato dagli assistenti Mele e Barile rispettivamente della sezione di Lecce e Brindisi e lo Scorrano degli ex Francesco Giorgetti e Luca Bianco, ai quali si sono aggiunte vecchie conoscenze dei campionati di Eccellenza come Claudio Zaminga, Christian Colapietro e Gabriele Greco, nomi di assoluto valore per la società del patron De Cagna con un uno/due passa in vantaggio casalingo. Alla fine della prima frazione di gioco il risultato è di 2-1 per i padroni di casa.

Nel secondo tempo, al goal di Mino Tedesco che aveva riaperto i giochi nella prima frazione,  abile a concludere sotto misura una magia di De Razza, arriva con una punizione magistrale la doppietta ed il meritato pareggio.

Ottima reazione per gli uomini di mister Politi e primo punto esterno di stagione. A punteggio pieno solo Atletico Aradeo, Atletico Racale e Lizzano 1996. A zero punti Asd Ugento, Carovigno Calcio e Ostuni 1945. Prossimo impegno domenica 16 settembre al Campo Sportivo Toto Cezzi contro l’ASD Atletico Tricase per l’esordio casalingo al Toto Cezzi per il quale, in questi giorni il Presidente del Movimento per Novoli Giovanni De Luca è tornato alla carica, chiedendo di nuovo per la seconda volta, l’impegno del Commissario Prefettizio nella partecipazione al bando Coni per la ristrutturazione e adeguamento del Campo sportivo alle norme vigenti in materia per disputare con tranquillità ben più alti palcoscenici che Novoli merita. Il bando era atteso da tempo in Municipio e la sfiducia siglata contro l’amministrazione del Sindaco Gianmaria Greco, ora ne mina la partecipazione.

Degna di nota la carovana al seguito con 150 novolesi per una tifoseria e gruppo Ultras che merita ben altre categorie.

Lascia un commento

Back To Top