Movimento per Novoli

Noi siamo pronti. E tu?

I novolesi sui social forum si chiedono che fine abbiano fatto i “politici” nostrani e probabilmente qualcuno, sarcasticamente, avrà pensato di allertare “Chi l’ha Visto?” storica trasmissione che da decenni si interessa delle persone scomparse.

Informiamo i concittadini che non è – purtroppo – scomparso nessuno. Dalla rovinosa caduta dell’Amministrazione di “Novoli Protagonista” ad oggi, tutti stanno giocando la loro partita, chi più – chi meno, alla “luce del sole“.

Partiamo dagli “altri” dei quali scriveremo quello che reputiamo “notizia” meritevole di considerazione, poi dedicheremo le nostre attenzioni a presentare il progetto “MovimentAzione” unitamente agli intendimenti del “Movimento per Novoli”. 

Gli altri.

Gli altri, “tramatori” oscuri di professione (visto quello che sono riusciti a combinare col il “golpe” studiato ed attuato alle spalle di Novoli e dei novolesi) stanno tramando con incontri -anche alle 15:00 del pomeriggio in piena estate-  come fare per raggiungere la “meta ambita” da tanto – troppo tempo “: il Municipio. Luogo ideale dal quale pianificare “malefatte” ed interessi privati in atto pubblico,  che con la nostra presenza in Amministrazione non sarebbe possibile attuare. Tanto sono in malafede, tanto sono ancora “sporchi” di marmellata che hanno solo sfiorato, da non avere il coraggio di accettare un confronto pubblico: né in sede politica, né in altre sedi che gli sarebbero più consone, impresentabili come sono. Si qualificheranno presto, tutti insieme appassionatamente e di conseguenza  nel fronte opposto al nostro. Il lettore curioso avrà volti e nomi. Questo per permettere anche a qualche “folgorato” sulla via della politica novolese, di ritirarsi anzitempo a vita privata e desistere dall’idea che a Novoli si possono truccare concorsi, spartire incarichi professionali agli amici degli amici, ai parenti ed alle mogli incapaci di inserirsi nel tessuto professionale seguendo vie meritocratiche. Queste amabili mogliettine di questi mariti borghesi radical chic, cresciuti in un paese ostaggio di logiche da prima Repubblica che in tutta evidenza avversiamo.

Noi, diversi da “quegli” altri.

Abbiamo continuato a lavorare in questi mesi (da quando l’amministrazione di “Novoli Protagonista” è stata sfiduciata) ripartendo da una attenta, impietosa, dura, analisi “autocritica”. Abbiamo ragionato sulle nostre più grandi mancanze e la prima, sicuramente, non può che essere: mancanza di comunicazione!

Qui ci riconosciamo un limite. Abbiamo errato. Per due amministrazioni di fila, Oscar Marzo Vetrugno, Gianmaria Greco, siamo caduti nell’errore di affidare la comunicazione all’informazione ufficiale di “maggioranza”. Risultato?

Quello che è avvenuto all’interno di Palazzo di Città è solo verità tra le parti che tentano di “spuntare” la ragione. Al paese interessa relativamente: tutti nel torto!  Penso, immagino, credo … che il paese oggi voglia rassicurazioni, su come fare per uscire dal pantano attuale e questo non riguarda solo l’ex maggioranza, ma mette sotto “stato d’accusa” tutta la politica novolese. Anche le opposizioni.

Il progetto di “Novoli Protagonista” è stato fallimentare? Secondo noi è stato tradito. Poco importa. L’amministrazione è a casa.  Di contro, le opposizioni, sfiduciando l’Amministrazione Comunale quando avevano in mano “numeri” per condizionarne l’azione, consegnando il paese ad un anno di Commissariamento Prefettizio, non hanno anche loro delle responsabilità? Io credo che ne abbiano e come! Soprattutto quando in due anni e mezzo (gli ultimi) non sono state capaci di proporre una visione alternativa di “idea-paese“.

Ed ecco dunque MovimetAzione”.  Un progetto di comunicazione fondato nel Maggio 2010 ed animato da un gruppo di ragazzi con passione civile e curiosità per tutto ciò che è politica, economia, ambiente, impegno sociale e cultura di Novoli e dell’alternativa “glocale”. Nato come rivista cartacea, oggi l’iniziativa Movimentazione è articolata attraverso la versione elettronica a supporto del Movimento per Novoli. Movimentazione è chiaramente la voce schierata della comunicazione corretta e rispettosa dei ruoli che, nell’ambito di un paese, costituiscono l’orgoglio ed il vanto di una comunità. E’ anche baluardo della difesa degli interessi collettivi. Del resto, c’è bisogno di “fare” comunicazione, ma c’è bisogno di “difendersi” da una certa comunicazione, in mano a soggetti inqualificabili che indirizzano l’inchiostro della loro penna verso una visione/versione tutta loro, strumentalizzano, deviano l’opinione pubblica, distorcendo la realtà dei fatti, inquinando di conseguenza i processi democratici di crescita di un intero paese. Che si fa a questo punto? Denuncia, difesa e contro informazione! Questi pennivendoli di regime, hanno l’inchiostro contato.

Noi siamo pronti. E tu?

Lascia un commento

Back To Top