Sodalitium Luglio 2018. Editoriale

Editoriale* 

Lo iato tra le affermazioni dei Papi del XIX secolo e la nuova visione che inizia con la Pacem in terris è evidente e su di esso si è molto dibattuto. Esso sta anche al cuore dell’opposizione di Lefebvre e dei suoi seguaci contro il Concilio”.
Non è la prima volta che Joseph Ratzinger esprime la sua opinione sull’inconciliabilità tra l’insegnamento della Chiesa (“le affermazioni dei Papi del XIX secolo”) e quello moderno (Dignitatis humanæ o – come qui – Pacem in terris): ne abbiamo già parlato a proposito del suo discorso augurale alla Curia Romana del 22 dicembre 2005, su Sodalitium n. 59, pp. 41-43.
Lo iato (nel senso figurato di “interruzione”, “soluzione di continuità”) è quindi “evidente”, cioè immediatamente e totalmente comprensibile.
Il passo di Ratzinger che abbiamo citato è datato 29 settembre 2014, ma era finora inedito (è stato pubblicato dal Foglio l’8 maggio 2018) ed è tratto da un testo inviato dal “Papa emerito” all’ex-presidente del Senato, il liberale Marcello Pera, a commento del suo libro, pubblicato nel 2015, Diritti umani e cristianesimo. La Chiesa alla prova della modernità. Non c’è continuità, dunque, tra il magistero dei Papi e la nuova dottrina sulla libertà religiosa, è evidente: salta agli occhi, non ha neppure bisogno di dimostrazione; in due righe Ratzinger getta nel cestino della teologia tutti i disperati tentativi di conciliazione messi in atto da chi ancora al magistero e alla sua autorità si sforza di credere, come Dom Basile del Barroux, padre de Blignières, don Lucien e così via. Ma questo non significa che Ratzinger creda per un attimo che il magistero della Chiesa contro la libertà religiosa sia ancora da prendere in considerazione! Difatti non scrive “magistero” ma “affermazioni”. Non dice, come noi, “della Chiesa”, ma: “dei Papi del XIX secolo”. I Papi del XIX secolo – per Ratzinger – non insegnano ma affermano, e sono confinati, per carità!, dalla gabbia dello storicismo, nel XIX secolo (guai a uscirne, guai a pretendere di insegnare una verità immutabile, e non solamente una mutevole opinione).
Mai come in questi ultimi anni, da quando Jorge Mario Bergoglio è stato eletto (solo eletto, si badi bene) al Soglio Pontificio, si levano le voci di alcuni membri (materialiter) della “gerarchia” che giungono a parlare a volte persino di eresia, o a mettere comunque in dubbio dei documenti del “magistero”. Dopo il fronte aperto da Amoris lætitia (dov’è in ballo tutta la morale cristiana sul peccato, il matrimonio, l’adulterio, i sacramenti di penitenza e dell’eucarestia) si è aperto anche quello riguardante la comunione agli eretici, che ha diviso l’episcopato tedesco. Dei cardinali come Burke, Brandmüller, i defunti Meisner e Caffarra, i cardinali Pujats ed Eijk, sostenuti da vescovi come i tre kazaki, Peta, Lenga e Schneider, gli italiani Vigano e Negri, Mons. Laun (ausiliare di Salisburgo), un teologo (sempre rigorosamente in pensione) come Mons. Livi, per non parlare dei numerosi “correttori filiali” tra i quali, ma guarda!, pure Mons. Fellay, hanno parlato di rottura, di incompatibilità con la Fede e la Morale, persino di eresia. Queste disordinate reazioni non danno però, per ora, alcuna speranza. Perché, prima di tutto, si dicono per l’appunto “correzioni filiali”, riconoscendo in J. M. Bergoglio il proprio Padre e il Vicario di Cristo. Al Vicario di Cristo quindi intendono opporsi, e documenti del suo Magistero intendono condannare o mettere da parte come se non esistessero. Esattamente come fa Ratzinger con le “affermazioni dei Papi del XIX secolo”. Perché, poi, hanno tutti (salvo Mons. Fellay, almeno fino ad ora) accettato il Vaticano II e le sue riforme, la libertà religiosa, la collegialità, l’ecumenismo, il dialogo interreligioso, la riforma liturgica, il nuovo codice di diritto canonico (che ammette casi nei quali si possono dare sacramenti ai non cattolici: cfr. Sodalitium, Il nuovo codice di diritto canonico, l’amministrazione dei sacramenti e l’ecumenismon. 57, luglio 2004).
E allora a buona ragione colui che riconoscono come Vicario di Cristo risponde loro che egli altro non fa che applicare il Concilio. E come si può opporre alla morale matrimoniale di Amoris lætitia il “magistero” di Paolo VI e Giovanni Paolo II, con tutta la loro “santità” canonizzata? Amoris lætitia si oppone a Paolo VI e Giovanni Paolo II? Ma anche Pacem in terris e Dignitatis humanæ si oppongono in maniera evidente alle affermazioni dei Papi del XIX secolo, e tutti questi cardinali, vescovi e teologi resistenti, dubbiosi e correttori non hanno avuto alcun problema nell’accettare la libertà religiosa e dimenticare i Papi del XIX secolo. Anche il Novus Ordo Missæ di “San” Paolo VI si oppone in maniera impressionante, nell’insieme come nel dettaglio, alla teologia cattolica codificata al Concilio di Trento (cardinali Ottaviani e Bacci), eppure nessuno di questi cardinali e vescovi e teologi considerano illegittimo il rito “ordinario” riformato proprio da Paolo VI. È la stessa mano che ha firmato Amoris lætitia ad aver sottoscritto l’autorizzazione ai sacerdoti della Fraternità San Pio X (che ne sono ben lieti) a confessare o benedire le nozze, e l’autorizzazione per i suoi vescovi a ordinare sacerdoti. E persino i resistenti a Mons. Fellay, in nome di una più stretta fedeltà a Mons. Lefebvre (non sia mai che si dialoghi col Papa e coi “Romani”), come Mons. Williamson e don Nitoglia (o quam mutatus es ab illo!) non sembrano aver più grandi problemi con la riforma liturgica, considerata legittima, valida, onorata da miracoli divini, per cui, per carità, alla Messa riformata si può anche assistere (quel gran liberalone di Mons. Fellay non è ancora arrivato a dire così chiaramente delle cose del genere). Povero “tradizionalismo”, in che stato è ridotto! (per non parlare dei laici, come è tristemente evidente nel fenomeno di Radio Spada di cui ancora scriviamo in queste pagine).
Noi speriamo sempre che gli occupanti delle sedi episcopali abiurino finalmente tutti gli errori modernisti veicolati dal Vaticano II e dalle riforme che ne sono seguite: allora, e solo allora, la loro azione sarà giovevole alla Chiesa e a tutta la cristianità. Finchè invece i vari “correttori filiali” continueranno a riconoscere la legittimità di Paolo VI e dei suoi successori, attribuendosi così la missione di “correggere” a piacimento quello che per loro sono il Papa, il magistero, la liturgia o la disciplina della Chiesa, contribuiranno solamente ad aumentare la confusione in cui viviamo e la gravità della situazione. Che la Madonna del Buon Consiglio li illumini, che Cristo Re ci salvi e regni.

*tratto da http://www.sodalitium.biz/contatti/

 

Novoli. Bando Impiantistica Sportiva. De Luca: aspettavamo per il Toto Cezzi. Se ne occupi il Commissario

Il Credito Sportivo e l’ Anci annunciano il nuovo bando  che prevede lo stanziamento di 100 milioni di euro a tasso zero per i Comuni italiani finalizzati allo sviluppo e al miglioramento dell’impiantistica sportiva anche scolastica. A siglare il protocollo nella location d’eccezione del Concorso Ippico di Piazza di Siena, a Villa Borghese, il presidente del Credito Sportivo e il vicepesidente vicario dell’Anci.  Il bando “Sport Missione Comune 2018” ha preso avvio il 5 luglio. Ciascun mutuo, che avra` durata di 15 anni, potra` godere del totale abbattimento del tasso fino all’importo di 2 milioni. Per investimenti eccedenti tale importo e per una durata superiore al periodo previsto saranno assicurati tassi fortemente agevolati. I fondi verranno cosi` ripartiti: un terzo per gli interventi realizzati dai Comuni fino a 5mila abitanti (per ciascun soggetto importo massimo complessivo 2milioni); un terzo per i Comuni non capoluogo fino a 100mila abitanti e Unioni di Comuni o Comuni in forma associata (per ciascun soggetto importo massimo complessivo 4 milioni); un terzo per Comuni capoluogo, Citta` Metropolitane e Comuni superiori a 100mila abitanti (per ciascun soggetto importo massimo complessivo 6milioni). Ciascun soggetto puo` presentare piu` istanze.
Grazie ai precedenti bandi negli ultimi tre anni sono stati aperti oltre 2.000 cantieri a dimostrazione che Ics e Anci vogliono proseguire su questa strada di innovazione e riqualificazione per impianti moderni, funzionali e sicuri.
“E’ un protocollo importantissimo che aspettavamo da tempo – dichiara l’ex Assessore allo sport del Comune di Novoli Giovanni De Luca  – non solo per il consistente stanziamento di fondi a tasso zero ma anche per le nuove progettualità che si possono legare all’edilizia scolastica. Ho chiesto al Commissario Prefettizio dott.ssa Paola Mauro di intervenire subito”. 
 Movimento per Novoli e lo Sport “Lo sport è per noi disciplina ed arte di vivere, giacché rischiara e fortifica i più giusti rapporti tra corpo e spirito”.
Citiamo uno dei più grandi pensatori europei Drieu La Rochelle per affermare che tra le forme d’intervento sociale esso è un formidabile strumento di prevenzione, oltre che ad essere un veicolo di consenso è un formidabile strumento educativo. Nel nostro impianto progettuale abbiamo inserito le scienze motorie sin dai primi “passi” dell’individuo fanciullo. Per noi lo sport assume da un punto di vista organizzativo, una sottile linea di confine fra un qualcosa che si può vivere in maniera formativa, nell’orario extracurriculare che impegnerà il ragazzo, il giovane in gare amatoriali e agonistiche, con “direttrici nuove” che dovrebbero presiedere alla riorganizzazione del nostro ente
Lo sport a Novoli va sostenuto perché negli ultimi anni si è incentrato solo su due attività tradizionali – aggiunge De Luca –  lasciando ai margini tutto il resto. Nel corso degli anni abbiamo perso la pallavolo, il Karate è stato assolutamente snobbato, nuovi sport emergenti isolati e non sostenuti”. In futuro il comune dovrà  sostenere società sportive già esistenti e quelle nuove sostenendo le figure professionali che sappiano “condurre” le strutture in maniera professionale con un livello di efficienza superiore alla media.  Il Movimento per Novoli metterà a disposizione delle strutture un “servizio di consulenza”, tramite il quale si potrà riuscire a fornire supporto amministrativo, legale e gestionale per l’azione aggregatrice, un “servizio di gestione e progettazione” che attraverso consulenze specifiche, corsi di formazione, sostenga i nostri tecnici nella progettazione a vantaggio degli amministratori negli Enti locali.

Sport contro la droga
 Il modello è quello finlandese. Un lavoro durato 20 anni, ma che ha portato ottimi risultati. Se fino a due decenni fa, infatti, la dipendenza da droghe e l’abuso di alcol in età adolescenziale era un problema che affliggeva la Finlandia, oggi non lo è più. Dal 1998 al 2016, la percentuale di giovani, compresa tra i 15 e i 16 anni, che abusa di alcol è scesa dal 48% al 5%, mentre quella che fuma cannabis dal 17% al 7%. Anche i fumatori di sigarette sono calati drasticamente: dal 23% al 3%. Un calo che ha portato i giovani della Finlandia a diventare i più salutisti d’Europa.
Tutto è stato possibile con il vecchio schema:  una maggiore collaborazione tra istituti scolastici e genitori, l’introduzione di divieti e la creazione di attività extrascolastiche che coinvolgessero gli adolescenti a tempo pieno.  Esperimento ripetuto anche negli anni seguenti. Nel questionario venivano poste domande semplici e dirette, tipo: “Bevi alcolici?”, “Ti sei mai ubriacato?”, “Hai mai fumato?”, “Quanto tempo trascorri con i tuoi genitori?”, “Svolgi attività?”.
Quel che emerse dal questionario fu un risultato negativo: circa il 25% dei ragazzi affermava di fumare quotidianamente e il 40% ammetteva di essersi ubriacato appena un mese prima. Ma quel che colpì fu un altro risultato: dal questionario, infatti, constatò che chi praticava sport o frequentava corsi, e aveva un buon rapporto coi genitori, era meno propenso all’utilizzo di droghe e alcol.
All’epoca, in Finlandia erano stati introdotti programmi di prevenzione ed educazione, i ragazzi erano stati informati dei rischi che correvano attraverso l’assunzione di droghe o l’abuso di alcol, ma nonostante questo non erano stati raggiunti i risultati sperati. Poi si è pensato ad un metodo di approccio differente: si legò l’introduzione massiccia di attività extrascolastiche di ogni tipo, da quelle sportive a quelle artistiche. In questo modo si permetteva ai giovani di stare insieme e garantire loro un senso di benessere psico-fisico, lo stesso che ricercavano utilizzando droghe e abusando di alcol. Quel che è certo è che in Filandia il programma ha funzionato e si è rivelato vincente: la collaborazione tra cittadini e Stato ha dato i suoi frutti, facendo diminuire la percentuale di giovani che abusa di droghe e alcol. Il progetto, inoltre, è riuscito ad avvicinare genitori e figli, aiutando così i ragazzi a condurre uno stile di vita sano e produttivo.