Politica

Novoli e storie di opposizione a sinistra. Storie di supposte.

Sulla questione Fondazione Focara il silenzio che ha avvolto la sinistra novolese dal giorno della sua costituzione alla fine del secondo mandato Oscar Marzo Vetrugno è qualcosa di curioso. A rompere il silenzio dopo quattro anni di “convivenza forzata” in maggioranza fu solo il Consigliere del Movimento per Novoli Giovanni De Luca. Dichiarati conclusi i rapporti con una parte della ex maggioranza (sconfitta alle elezioni amministrative del 2015) fu proprio lo storico esponente politico della Destra novolese a richiedere una nuova fase gestionale per la Fondazione.

Ben informati sostengono che il patto fra il neo Sindaco Gianmaria Greco e Giovanni De Luca si fondi anche su una nuova, chiara e condivisa gestione degli eventi: trand culturale alto e qualificato ma in linea con il contesto economico circostante, i novolesi al centro di un percorso virtuoso, il rito religioso al centro della festa, l’eliminazione graduale e progressiva della musica tecno, dei concerti punk,  la sostituzione del vecchio Focara Festival con un Festival delle culture del Mediterraneo intorno al Fuoco ed il terzo giorno, quello dedicato ai novolesi, con un contest prodotto da musicisti del luogo, denominato “Radici nel Fuoco“.
I rapporti fra il Sindaco ed il Presidente del Consiglio Comunale sono ottimi, il programma procede di comune accordo, frenato solo dalle avversità atmosferiche e da quanto si legge sui giornali mai smentiti dal Sindaco in carica che con serietà e responsabilità lavora sodo.
Qualche flebile e maldestra contestazione giunge dagli esponenti di sinistra che occupano il Consiglio Comunale.
Recentemente ed incomprensibilmente si è dimesso il Consigliere Antonio Pio Marzo (cugino dell’ex Sindaco Oscar Marzo Vetrugno) al quale è subentrato il Consigliere Federico Sozzo. Da questo nuovo assetto la rottura.

Nei giorni scorsi il Consigliere Federico Sozzo ha preso le distanze in Consiglio Comunale dal Partito Democratico, di conseguenza quest’ultimo sui media locali ed in particolare su “Nuovo Quotidiano di Puglia“, non era andato tanto per il sottile.

Oggi il nuovo comunicato di Cambia Novoli a firma del Consigliere Sozzo che pubblichiamo integralmente: “Ho dovuto constatare, purtroppo direttamente dalla stampa, come a seguito della mie dichiarazioni circa le notevoli difficoltà incontrate nelle relazioni con la locale segreteria del Partito Democratico e la palesata differenza di punti di vista in materia di approccio alle problematiche della Fondazione e di accesso agli atti della medesima, la stessa segreteria del PD ha sentito la necessità di diramare un comunicato stampa così aggressivo e delirante nei confronti miei e del gruppo da me rappresentato. La cosa mi (e ci) rammarica non poco.
Nonostante ciò, non sarò certo io ad esprimere giudizi sulle scelte altrui, a parlare di orticelli, superficialità, ricerca di visibilità o spaccature.
Io e gli amici di Cambia Novoli continueremo a stare dove ci hanno messo i cittadini e cioè sui banchi dell’opposizione, a fare quello per cui siamo stati votati: vigilare, discutere e protestare quando servirà, ma anche proporre e tentare di costruire ponti alla luce del sole, come abbiamo sempre fatto fino ad oggi.
Proseguiamo quindi nel percorso intrapreso due anni e mezzo fa, un percorso fatto di studio degli atti, approfondimenti, interrogazioni, mozioni e soprattutto partecipazione attiva alla vita della comunità. Un percorso fondato sui valori di lealtà e trasparenza. Un percorso che resta aperto a chiunque deciderà di volerlo e poterlo condividere con noi.”
Insomma, sono partiti per “suonarle”, se le sono date di Santa ragione come al solito, come la sinistra da trent’ anni a Novoli ci ha abituato. A modo loro sono coerenti. A questo punto sono i gruppi che sostengono la maggioranza ad andare all’attacco, Fratelli d’Italia e Movimento per Novoli, dichiano  per voce dei rispettivi direttivi:

 

Fratelli d’Italia:
A SINISTRA solite lotte per la bramosia del potere anteposte agli interessi di Novoli!
– La Rivoluzione” si fa nelle piazze con il popolo, ma il cambiamento si fa dentro la cabina elettorale con la matita in mano” – è quanto sosteneva Paolo Borsellino e quanto la Destra politica mette in pratica tutti i giorni. Immaginate se dalla cabina elettorale il popolo elettorale avesse mai creduto che il cambiamentonto potesse passare da Sinistra?I disastri amministrativi si sommerebbero a quelli politici, ai disastri che la sinistra imperterrita combina al Governo della nazione ed al Governo regionale! La verità è che non sono credibili. Lotte di potere anteposte agli interessi collettivi si manifestano da sempre con rancori e astio rivolti verso il prossimo. Litigano fra di loro quando non possono gettare fango e veleno verso gli altri.NOVOLI HA BISOGNO DI TRANQUILLITÀ E DI UNITÀ. NON HA BISOGNO DI LITIGI, DIVISIONI e della SINISTRA!

Movimento per Novoli:
Cambia Novoli! … cambiano sempre loro. La gente non gli ha creduto perché non sono affidabili. Sono due e si spaccano in quattro. È la dura legge della sinistra di Novoli, una compagine variegata e inaffidabile che quando non riversa sul paese e su chi la pensa diversamente odio e rancore, si divide sul nulla. Su cosa si è divisa la sinistra ancora una volta?Su un progetto per il paese? Su una diversa visione di un modello di sviluppo?  NULLA SI È DIVISA SUL NULLA!
Completamente assenti dalla vita comunitaria, non partecipano a nessuna manifestazione, non si inseriscono nel dibattito cittadino e litigano, litigano, litigano … contro tutto e contro se stessi. NOVOLI LI HA SEMPRE CONSIDERATI INAFFIDABILI! Da oggi fino alla presentazione delle prossime liste per le amministrative saranno divisi, la notte prima della presentazione delle liste si uniranno di nuovo, si presenteranno con uno slogan demagogico e cominceranno a strillare dai palchi. Li rivedremo alla spasmodica ricerca del consenso negato, per raggiungere il POTERE! Oggi è lecito chiedergli: eravate in due e vi siete divisi in quattro, come avete fatto? E soprattutto perché?”
Ad una scherzosa battuta di un giornalista locale: “ Nella vita ci sono le cose vere e le cose supposte, se quelle vere le mettiamo da parte, le supposte dove le mettiamo?  uno storico esponente della sinistra novolese così commenta il deplorevole teatrino della sinistra: “La sinistra ha molta esperienza dove mettere le supposte !!!!! Autolesionisti“.
Solite cose. E’ la sinistra novolese.
 

Lascia un commento

Back To Top