“I Binari della Tradizione” fanno tappa a Novoli. Sistema di rete e idee innovative

Prosegue la rassegna di convegni a cura dell’associazione di promozione sociale “I Binari della Tradizione” in collaborazione con l’Unione dei Comuni del Nord Salento, la Regione Puglia, la Città di Manduria e l’Associazione Citta del Vino.  Il tour partito da Squinzano, farà tappa l’1 luglio 2017 a Novoli per il secondo convegno in programma.


Il progetto è alla sua II Edizione e conseguentemente  alla prima  i soggetti coinvolti hanno dato vita ad una Associazione sovracomunale per la promozione sociale e culturale del territorio. Proprio l’idea di incontrare lungo il “viaggio ideale” ed anche quello fisico sulla tratta delle Ferrovie del Sud Est  uomini ed associazioni, costituisce un nuovo modello di governance che parte dal basso. Il progetto è in costante aggiornamento e crea il “sistema di rete” che pulsa di partecipazione attiva e si arricchisce di professionalità lungo il tragitto della vita quotidiana. Capita così di incontrare l’associazione che si occupa di integrazione sociale, l’artista di strada, il gruppo di tradizioni popolari, l’anziano che studia presso l’Università della Terza Età, gli amici delle Città che apprendono, i ristoratori, i vignaioli, i frantoiani, il grafico, il tecnico informatico.
L’ incontro avrà come tema “La città del Cibo di Novoli nell’Unione dei Comuni del Nord Salento”.  Ad introdurre la discussione sarà il presidente de I Binari della Tradizione, Antonio Soleti, a seguire i saluti del Sindaco di Novoli Gianmaria Greco e di Giuseppe Taurino, Presidente dell’Unione dei Comuni del Nord Salento.

Sul tema del “sistema di rete e le relazioni intercomunali” discuteranno Benedetta di Donato con una relazione su “pianificazione agricola e territoriale: geografie, attori ed esperienze” e Aura Cavallo con un intervento su “agricoltura, inclusione ed economia circolare per l’innovazione territoriale”, entrambe per Città del Vino. Le conclusioni saranno affidate a Giovanni De Luca, consigliere dell’Unione dei Comuni del Nord Salento e ideatore del progetto I Binari della Tradizione”.
“Il Comune di Novoli – afferma De Luca – è il capofila di questo ambizioso progetto che ho avuto il piacere di ideare e che mira a mettere intorno a questa visione gli attori principali del territorio, per autoderminare democrazia dal basso con processi partecipativi e progettuali, motivo per il quale l’idea  è stata considerata innovazione ed ha superato la prima di quattro fasi del bando UIA – sui nuovi modelli amministrativi e sistemi di rete destinati a cambiare il corso delle cose. Naturalmente l’idea non vince se non attecchisce su un comune sentire e su altre visioni comuni. Ne parliamo domani in piazza”.

La conferenza si svolgerà in Piazza Regina Margherita, alle ore 19:30 luogo tradizionale d’incontro, sullo spazio antistante l’Ostello della Gioventù.

Lecce. Emiliano “pappa tutto”. Il “papocchio” Salvemini-Delli Noci Vince

Anche questa volta, putroppo, non abbiamo sbagliato nulla!
Non abbiamo sbagliato nel suonare i campanelli d’allarme antecedenti alle elezioni regionali, né sul metodo ormai vetusto e decadente di un centro destra che è da rifondare nella sua essenza. Prospettive Future lo dice da sempre: bando al moderatismo, questa classe dirigente deve andare … A  CASA!!!
A Lecce  è Carlo Salvemini il nuovo sindaco. Dopo vent’anni di centrodestra, una minoranza alleatasi con un’altra minoranza, vince al ballottaggio con numeri residuali, ancor piu’   marginale minoranza. Non c’è dubbio ha perso il centrodestra.  
Il risultato è apparso chiaro già a circa tre minuti dallo spoglio. Dopo 15 minuti dalle 23:00, Giliberti posta un link su facebook prontamente ripreso da “Terza Via”.


Nel comitato di Carlo Salvemini, il Sindaco definito da Emiliano la peggiore espressione della sinistra degli ultimi venti anni (ce ne fossero di persone perbene come Carlo Salvemini anche a destra, caro Emiliano) presente il pupillo del governatore,  Alessandro Delli Noci – lo scilipoti del Salento –  alza il pugno della vittoria verso il cielo.

Ad accompagnarli un fiume di gente al grido di “Lecce libera”, ma non è solo Lecce,  libera. Crollano le roccaforti fittiane ovunque. Mentre in Italia il centro destra avanza, l’Asse Meloni- Toti – Salvini si consolida, in Puglia il “metodo Fitto” ci fa perdere ovunque. Perdiamo anche Galatone. A Galatina vincono persino le “civiche”.

Non c’è dubbio, la mano di Emiliano si vede e si consolida. La zona ambigua: Nardò, Gallipoli, Copertino (De Giorgi), Galatina e Lecce, porta nel Salento la macchia “barese” e  si espande grazie al ruolo che rompe gli schemi tradizionali con il Sindaco di Nardò, Pippi Mellone che trionfa anche nel capoluogo.
foto del Corriere Salentino.
Una sconfitta bruciante per il centro destra, ma non per Mauro Giliberti. Si riparte da quest’ultimo e da un rinnovamento doveroso, quanto necessario. 

Ora si apre anche un’attenta e definitiva analisi sul ruolo di Prospettive Future in Fratelli d’Italia, che non può più essere quello di annunciatori di catastrofi all’orizzonte, perché sapienti ed esperti interpreti nella lettura dei venti e del tempo all’orizzonte.

Se in Forza Italia le responsabilità sono tutte di chi ha frenato con malignità ed inconsistenza Paride Mazzotta, l’imprenditore incompetente di politica Paolo Pagliaro, ci sono colpe anche per il Sindaco uscente, che non sente l’esigenza di cacciare chi occupa un’assessorato, chiede discontinuità dal suo Sindaco del quale ha una delega fiduciaria  e  viene vista dopo il primo turno e prima del ballottaggio, a  sinistra. E Fratelli d’Italia in silenzio. Sottomessa.

Forza Italia a Lecce al pari di Raffaele Fitto, così come a Galatina è la maggiore causa dei disastri del centrodestra. Lo diciamo da tempo: bisogna mollarli. Lo diciamo a chi si è assunto la responsabilità di decidere per tutti, epurando i rappresentanti di Prospettive Future dall’esecutivo provinciale, costruendo una lista su se stesso, facendosi sfuggire di mano importanti candidati, non aprendo le porte a nuovi arrivi che avrebbero meglio determinato la già ottima performance del partito di Giorgia Meloni, rafforzata dall’arrivo di Saverio Congedo e di nostri amici.
Prospettive Future ricomincia da Galatina, dove i rappresentanti del partito locale sono stati “scaricati” al loro destino, senza nessun aiuto in fase di formazione della lista, né di sostegno pratico.
Mentre scriviamo, subiamo gli scherni dei vigliacchi traditori che hanno spostato veramente poco su Carlo Salvemini, inconcludenti e insignificanti, il “papocchio” vince con i voti delle lobby di sinistra leccesi che si paleseranno subito. Le fermeremo immediatamente.
Una pausa di riflessione non farà male agli aristocratici, borghesucci, leccesotti del centrodestra, ma noi abbiamo il dovere di rivendicare maggiore rispetto dal Partito. Di tracciare una linea politica innovatica: un Movimento per il Salento. Questa volta non staremo “ne’ zitti, né fermi”!

Dopo Salice e' la volta di Novoli. Il Consiglio Comunale vota all'unanimita' la convenzione per la gestione associata del randagismo.

Un altro passo importante verso la gestione associata del randagismo nell’Unione dei Comuni del Nord Salento è  stato fatto  venerdì scorso, quando il Consiglio Comunale  di Novoli, ha votato all’unanimità la convenzione per la gestione associata delle funzioni in materia.

L’iter è stato avviato nel 2003 ed il cammino si dimostra ancora oggi lungo e tortuoso. Questi atti indispensabili in un settore molto delicato della vita pubblica, sono propedeutici ad una serie di provvedimenti dei quali il Consiglio ha preso atto e che riguardano politiche di “benessere degli animali”, sono  stati votati all’unanimità dei presenti, sia dalla maggioranza che dall’opposizione.

Risorse sempre piu scarse e nuove istanze sociali gravano sugli enti ed impongono una visione organica dell’Unione vocata all’efficienza ed  all’economicita’  dell’azione amministrativa. Il Comune Capofila e’ il Comune di Novoli, che coordina i lavori con la delega consiliare in capo al Consigliere dell’Unione Giovanni De Luca.

“Stiamo vivendo una lunga fase burocratica, lenta e pesante a causa anche di piante organiche da rivedere in tutti i comuni e scarsezza di mezzi economici in capo all’Unione, afferma De Luca . Noi pensiamo agli animali ed al loro benessere ed ho imposto che queste azioni vengano definite:  “politiche di benessere degli animali” e non problemi del randagismo perché se c’e’ un problema, questo è rappresentato dall’uomo e non dall’animale che ha precise regole, esigenze e necessità sopraffatte. Tuttavia il lavoro che stiamo facendo in pochi, tirando la carretta, deve andare avanti perché stiamo facendo qualcosa di molto importante. Sono sostenuto dai volontari di tutti i paesi dell”Unione ai quali vogliamo fornire regole, strumenti operativi, campagne di prevenzione ed azioni di repressione dei reati in materia di abbandono e maltrattamenti animali. Sono fiero di quello che stiamo facendo”.

L’approvazione della convenzione sarà funzionale per dotare tutto il territorio dell’Unione di veterinari privati al fianco dei medici delle Asl, campagne di prevenzione,  efficientamento e razionalizzazione dei canili comunali, corsi di educazione all’intervento per i volontari, riconoscimento con convenzione delle associazioni del settore che lavorano nei Comuni con relativo sostegno economico.
Afferma ancora De Luca: “Siamo un punto di riferimento nella geografia nazionale, ci chiamano da tutta l’Italia per copiare ed attuare il nostro iter e la nostra visione non è mai stata contestata da nessuno. Ha messo insieme persone e soggetti in passato molto litigiosi sulle strategie e questo è stato possibile solo attraverso una lunga fase di ascolto”.
Ora si attendono i deliberati dei Consigli Comunali di Campi, Guagnano, Squinzano, Surbo e Trepuzzi, successivamente sarà convocata una Consulta permanente con la Regione Puglia, le Forze dell’ordine del territorio e le Associazioni di Volontariato.
Dopo l’estate, secondo De Luca, con ritardo sulla tabella di marcia,  la gestione associata entrerà nel vivo.

Novoli . Giovanni De Luca: 5 cuccioli rischiano il canile.

Dopo il provvidenziale salvataggio da parte del Presidente del Consiglio Comunale Giovanni De Luca, che fra l’altro si offrì di portare i cuccioli personalmente in clinica, ora l’appello dalla sua pagina Facebook.  5 CUCCIOLI RISCHIANO IL CANILE!!!
5 stupendi cuccioli sono stati trovati in due scatoli nei pressi dell’ex Asilo Vitina Donno. Dopo le doverose cure come da prassi su ordinanza del Comune di Novoli,  fra i primi in Puglia in materia d’interventi, regolamentazione e sensibilità in favore del benessere degli animali,  il loro tragico destino sarà una vita tetra in un canile.
Un gruppo di volontari freelance si sta opponendo strenuamente a quello che sembra ormai il loro inesorabile destino, cercando di farlo adottare.
Una Cuccia per Camilla, Associazione di volontari operante in Novoli, come è noto, non nega mai l’aiuto ai più bisognosi e seguirà passo passo tutte le fasi dell’adozione.
Questi splendidi cuccioli che hanno solo la “colpa” di essere nati, meritano una famiglia che possa donargli una vita degna di questo nome. DONIAMOGLI UN FUTURO!!
I cuccioli hanno circa tre mesi, sono una futura taglia media e dimostrano un’indole molto mite, verranno affidati vaccinati, sverminati e microchippati in Puglia ed in tutta Italia previo controllo pre-affido e firma scheda di affido.

Ospedale Campi Salentina. In arrivo 4 milioni di euro. Taurino esprime soddisfazione. De luca evidenzia i ritardi.

Con la Delibera n° 963 la Asl Lecce, di concerto con la Regione Puglia, avvia un progetto da 4 milioni per riconvertire l’ex Ospedale di Campi Salentina e  trasformarlo in Presidio Territoriale Assistenziale  utilizzando i fondi FESR 2014-2020 e rinforzando la rete dei servizi sanitari territoriali.
I lavori, nel dettaglio, riguarderanno opere di adeguamento antincendio e sismico (400mila euro), adeguamento del sistema elettrico (450mila), ristrutturazioni edili (700mila) e opere di efficientamento energetico e logistico (150mila). Il “pacchetto” di dotazioni tecnologiche comporterà un investimento da 1 milione e 330mila euro per l’acquisto di diverse apparecchiature, tra le più importanti: 1 RMN Articolare, 1 TAC 64 strati, 9 Defibrillatori automatici e manuali, 2 Elettrocardiografi a 12 derivazioni, 1 Elettrocardiografo portatile e 4 lettori Holter. Sono stati già acquistati, invece, 5 Ecotomografi multidisciplinari di fascia alta, 3 Ecotomografi cardiologici di fascia alta e un Mammografo digitale diretto, mentre è in corso la procedura per acquisire un Colonscopio per screening. “La Asl – spiega il direttore amministrativo Antonio Pastore – sta procedendo in modo serrato rispetto alla rotta segnata nella programmazione dei fondi Fesr. Il lavoro amministrativo che stiamo portando avanti costantemente è fondamentale per realizzare le opere e i servizi in grado di rinforzare la Sanità territoriale”.
Sono soddisfatto come Sindaco e come Presidente dell’Unione dei Comuni – afferma Giuseppe Taurino – dell’interesse e dell’impegno mantenuto dal dott. Ruscitti. Un grazie particolare al Direttore Generale dell’Asl di Lecce e al Direttore Amministrativo dott. Antonio Pastore. Siamo pronti e disponibili ad un nuovo incontro per continuare a ragionare e a lavorare insieme al progetto.

Di diverso tenore le dichiarazioni di Giovanni De Luca, Consigliere dell’Unione dei Comuni del Nord Salento: “dopo aver partecipato all’incontro fra una delegazione di amministratori del territorio guidata dal Presidente dell’Unione con il dott. Ruscitti, qualcosa si è mosso, come promesso da quest’ultimo.  Tuttavia, sono deluso dai ritardi nei quali versano i pronto soccorso, in particolare quello di Lecce, i continui ritardi sulle liste d’attesa per le visite, per il silenzio intorno alla vicenda dell’ormai ex Imid. Una vicenda sconcertante, un vero scippo ai malati ed al territorio. Questa battaglia non la lascerò mai”.

Terza Via, voce di alternativa Nazionalpopolare

Terza Via – Giornale On Line, nasce per dare voce alla comunità politica di Prospettive Future impegnata ad “andare avanti” ed “andare oltre”.

Richiami a sigle e simboli che fanno parte della nostra storia, sono evidenziali, indispensabili per  fare tesoro delle esperienze altrui e superare questo regime e questo sistema.

Un Patrimonio di saperi e conoscenze, personali e comunitarie,  fondamentali per essere degni eredi di quelle “Linee di vetta” alle quali non rinunciammo ieri e non rinunciamo oggi.
Da Fiuggi in poi

Terza Via nasce per dare voce alla babele di gruppi, sigle e posizionamenti vari, implosi ed esplosi da Fiuggi ai nostri giorni. È uno strumento per fare “sintesi” in una lacerante diaspora post rautiana, affinché ciò che resta di una delle esperienze più suggestive e discusse -ma anche meno conosciute della storia politica repubblicana- non termini la sua parabola nella inutilità politica e nella marginalità culturale.
Prospettive Future

Questi ultimi anni duri, di riorganizzazione, durante i quali ci si è riscoperti “rautiani” senza Rauti, sono serviti per riorganizzare le idee ora vogliamo dare loro anche una ferma e decisa “voce”, per l’alternativa socialpopolare e Nazionalrivoluzionaria.

EDITORE

Nell’ attesa che il Giornale online Terza Via sia pubblicato sul sito web.
Vi diamo delle piccole anticipazioni attravero il blog.
BENVENUTI….
 
Giovanni De Luca